Crea sito

in cielo


Parlare di te Mamma non difficile
+23 luglio 1977

S.Messa a S.Rocco (Ravenna) | 2010 | 2011 | 2012 | 2013 | 2014 | 2015 | 2016 | 2017
Mamy ricordi - flash

The Once and Future Harp by Cheryl Ann Fulton
 

Ti sono stata affidata nove mesi prima di nascere, mi hai portato per tutti questi mesi  con delicatezza,tenerezza e amore.
Mi custodivi come un tesoro, una gemma preziosa.
 Forse pensavi: "Se fosse una bambina"? e questo tuo desiderio così  forte è stato esaudito.
Dopo tre maschi una femmina!
Mi dicevi: " La tua nascita portò tanta gioia e tanta speranza, speravo che tuo padre tornasse a casa"!
L'assenza di papà  non ti ha disorientata, e con coraggio e dedizione totale  ci hai educati, curati e amati.
Ci hai donato la tua vita, consumandoti per noi, frutto del tuo seno.
Ci hai trasmesso il tuo coraggio, la tua forza, la tua gioia di vivere  nonostante le prove della vita.
Ci hai insegnato con il tuo esempio a perdonare, ad amare sempre colui che non tornava a casa dai suoi figli e da te!
Così ci hai fatto crescere, nutrendoci  di amore e perdono, e di questo te ne siamo grati.

 


Grazie Mamma!

La tua vita non è  stata facile, ora che non ci sei più con noi, penso a quanto mi raccontavi, penso alla tua fatica quotidiana , dalla tua nascita alla tua morte.
Mi raccontavi che  quando eri giovane ed eri ancora in famiglia, una famiglia patriarcale, ci si  alzava anche di notte per lavorare, e andavi  davanti alle mucche per arare i campi, e quante altre cose faticose  erano da fare in casa di contadini.


Mamma la terza a destra  in piedi
Nonni e figli

Poi ti sei sposata,  anche qui hai avuto da faticare e lottare,  ma hai saputo essere una donna forte quando papà  ti ha abbandonata con 4 figli piccoli!
Quali angosce hai dovuto superare, e tutto ciò lo hai fatto e superato per noi, per nostro amore.

Grazie Mamma!

Ma non è finita qui per te.
Il Signore aveva capito che eri una donna  forte e che potevi ancora donargli qualcosa, ed ecco la malattia che pian piano ti aggredisce e demolisce fisicamente.  La distrofia muscolare non ti risparmia,  ti costringe a camminare non più perfettamente, a sostenerti, ad appoggiarti, e infine su una sedia a rotelle!
Questa malattia ti ha portato via la forza fisica, ma il tuo spirito non ha mollato e hai superato e vinto anche questa prova.
Ebbene, anche da questa tua malattia tu hai saputo infondere coraggio, serenità speranza, perdono e tanto amore.

 

Grazie Mamma!

Come sono orgogliosa di te Mamma, tutti noi lo siamo. Brava, perchè non hai ceduto mai, ma sempre hai combattuto  con la forza dell'amore.
Solo di fronte alla morte hai ceduto ma  è  stato un attimo, forse non te ne sei neanche accorta, perchè  io ero li..e parlavamo normalmente.
Te ne sei andata in silenzio, non un lamento. Hai chiuso gli occhi, hai lasciato la mia mano.. per prendere quella del nostro Gesù Salvatore che ti avrebbe accompagnato in paradiso, il meritato premio della tua fede,della tua perseveranza.

 

Grazie Mamma!

15 agosto 1977

Mamma

 

4 figli

 

Sposi felici


POESIE

 

 

Galleria SLIDE

 

 


Galleria SLIDE

Lo stagno incantato
Gli occhi della mia mamma

Se mi soffermo a guardare
negli occhi della mia mamma,
vi scorgo uno stagno incantato.

Attorno s'innalzano gli alberi
e un'isola un poco confusa
circondan le limpide acque.

Potessi io volger la prua
della mia povera barca
verso quelle acque silenti !

I pesci più rari vi nuotano
e uccelli preziosi sugli alberi
dell’isola a me tanto cara
innalzano canti di giubilo.

Se mi soffermo a guardare
negli occhi della mia mamma
vi scorgo uno stago incantato.

Anonimo

occhi  di mamy

Festa della MAMMA 2010

Solo a pronunciare questo nome
il mio cuore sussulta e penso a te Mamma!
“Ricordo il tempo passato
ripenso gli anni lontani..”
Sal.77
e ritorno bambina come un
“bimbo svezzato in braccio a
sua madre e resto serena”
Sal 131

Grazie Mamma

Il tuo ricordo Mamma mi da gioia e pace,
la tua tenerezza, il tuo amore vive in me.
Il tuo amore mi ha nutrito e fatto crescere
“come albero piantato lungo il fiume
egli darà frutto a suo tempo,
e le sue foglie non appassiranno:
riuscirà in tutti i suoi progetti”
Sal.1

Grazie Mamma

Tu vivi in me come io vivevo in te,
la mia anima poi si aprì alla vita.
Così ora la mia vita è la tua vita!
Tu te ne sei andata solo con il corpo,
la tua vita, la tua anima il tuo amore,
tutto di te è rimasto in me, la tua vita
continua nella mia vita Mamma!

Grazie Mamma

Ti penso tanto..e ti vedo correre nei
prati verdi del paradiso: ora lo puoi!
La sofferenza che portavi con dignità non è più.
Ora è la tua corona più liminosa e preziosa.
Quando il Signore vorrà ci riuniremo
e ci sarà gioia grande,
sarà un abbraccio senza fine,
che durerà tutta l’eternità!

Grazie Mamma
Angel

A MIA MADRE



Sulla prima pagina di questo volume io pongo, o mamma, il tuo nome e il tuo ricordo. Le singole parti di esso , furono scritte mentre tu eri ancora sulla terra, accanto a me: tutto quello che di tenerezze e di speranze e di affetti mi offriva l'esistenza, era in te; e la semplicità della tua vita e l'ingenuo candore del tuo animo e le vigili cure per i tuoi figli, durate fino ai giorni estremi, eran per me sante e sublimi. Quando io tornavo a casa e ti trovavo nel tuo angolino preferito, tutta intenta ai tuoi umili lavori, e gioiosa di mostrarmeli, perchè eran fatti per me, mi pareva che un sorriso di bontà e una luce di amore mi penetrasse nell'anima e mi illuminasse la vita. Ora la vita mi è oscura e deserta: tu non sei più con me: io non ho potuto strapparti alla morte:invano mi fermo innanzi al tuo avello, invano ti porto i fiori, invano tento evocarti dal freddo marmo. Eppure io ti sento ancora nel cuore, presente e possente nel mio spirito, ragione della mia vita, compagna d'ogni mio pensiero, sospiro incessante dell'anima mia. Ecco, mentre io scrivo queste righe, e guardo la tua immagine, che mi sorride dal piccolo medaglione sulla mia scrivania, mi par quasi che quella immagine si distacchi, e mi venga incontro, e mi protenda le braccia, e che io possa ancora soavemente riposarmi sul tuo seno, o madre, o madre mia.

7 Agosto 1925.
( Carlo Pascal-Feste e poesie antiche 1926)

fratello

A MIO FRATELLO

Ora che no sei più tra noi
il vuoto che hai lasciato
è incolmabile.
Ritorno a te pensandoti
rivivendo e ricordando..

A me raccontavi
di quando eravamo piccoli
essendo l’ultima
dei quattro
non potevo ricordare.

Tu eri il primo
anche allora
e non solo di età,
A te venivo affidata
dalla mamma
mentre gli altri due
sparivano liberi
di correre a giocare
con gli amici.

Tu no, non eri libero
neanche allora
 non potevi  correre a giocare
tu avevi me da  tenere a bada
e prenderti cura
non lasciandomi mai sola.

E così è stato  sempre
fino alla fine.
Sei stato sempre presente
un punto di riferimento
una luce che brillava
per me e per tutti.

Ma per me eri molto
molto di più
non avendo avuto un padre
come punto di riferimento
e sostegno.

La tua vita è stata dura
un calvario
su una sedia a rotelle
per metà della tua vita

Da questo tuo trono
hai affrontato la vita quotidianamente
giorno dopo giorno
impartendo lezioni  di vita
di accettazione e umiliazione
di serenità e pazienza
di coraggio e bontà.

Sottomesso a tutto e a tutti.
Una rinuncia continua di tutto,
perché la malattia
ti costringeva a dipendere
ad aspettare tutto
da tutti
con pazienza
nell’attesa che arrivasse
un bicchier d’acqua.

Da questo trono ci hai
insegnato senza saperlo
come si vive e si muore
senza un lamento,
senza mai pretendere
e chiedere nulla,
ma aspettando con fiducia
sempre
tutto da tutti.

Ora il Signore ti ha chiamato
per consegnarti il premio meritato
 io sono rimasta sola
perché gli altri come allora
sono andati per conto loro.

Angel

madrina e padrino

VICO ERNESTA

Padrino e Madrina.
Due persone eccezionali, buone e generose.
La provvidenza divina le ha messe sulla mia strada,
al momento giusto per attirarmi a te o Signore!

GRAZIE!

Gesù le disse:
«Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me,
anche se muore, vivrà;
chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno.
Credi tu questo?».
Gli rispose:
«Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo,
il Figlio di Dio che deve venire nel mondo».
Gv.11

INVERNO
Vita oltre la vita

Basta la tenerezza consumata in un intimo silenzio,
la gentilezza verso quanto esiste, il desiderio
di vita mai estinto, la luce cui diamo il nome
di vita eterna.
Vivere è ripetersi fino alla fine che il presente
non è una tomba e l'avvenire
prende le ali per l'eternità.
(Anonimo)

SILENZIO

La vita comincia, avanza, finisce senza far chiasso:
si fonde e si impegna di silenzio.
Troppe le parole, le pagine scritte, il lavoro,
i limiti del tempo, il rumore.
Raro il silenzio, la vita, l'anima,il pensiero,
il cuore, l'amore, l'interiorità, l'attenzione, la verità.
La mano sulla bocca potrebbe divenire un gesto abituale,
per scendere nell'anima e salvarsi dagli assalti
del mondo esteriore.
(Anonimo)

STELLA

Questa poesia è dedicata solo a te... 
Perchè sei tu la stella che brilli in alto e sei tanto bella.
A tutti dai calore anche quando manca il sole...
sei tu la mia sorella amica ogni giorno
non è fatica volerti bene sempre più
a guardarti nel cielo blu dove gli angeli
 nella Gloria cantano con voce di gioia. 


Giusy

grazie!

COSI' AMA UNA DONNA

Mi domando perché mi hai dovuto abbandonare,
 semplicemente andartene.
Ho pianto e sperato che tu tornassi da me
e rimanessi per sempre con me.

Ma tu non ti giri più indietro
 e non ti volti a guardarmi.
 Abbandonata, ho dovuto guardare in faccia al mio dolore,
 ma in questo modo ho imparato
a vivere facendo leva sulla forza dentro di me
 e divento forte ogni giorno di più.

Ed ora vado a testa alta,
il mio cuore batte per ogni essere,
 i venti soffiano e i fiumi scorrono
e l'amore è nel mio cuore, ovunque io vada.

E vedo nascere il sole,
la bellezza della neve e del ghiaccio,
 la gioia si porta via le preoccupazioni
 e il dolore si scioglie,
da quando ho imparato
a vivere facendo leva sulla forza dentro di me
 e divento forte ogni giorno di più.

Quanto coraggio, quanta fiducia e forza vitale si trovano nelle donne che attraverso l'abbandono e la dispe­razione osano una cosa nuova nella vita.

(Da: - - Linda Jaroschi-Anselm G. Ed.San Paolo)

L'AMORE MATERNO

Fatto d'eroismo e d'indulgenza
Sempre presente al minimo richiamo,
Chi di noi può dire dove inizia e
Dove finisce l'amore materno?

Non attende di essere meritato,
Plana in lutto sugli ingrati,
Quando il padre disereda,

Esiste un luogo di riposo più dolce
Del seno materno, ed un rifugio
Che accoglie con meno scossoni
Un fragile cuore dolente?

(Sully P. 1839 - 1907)

Tu dolcissima Mamma,
tu donna fragile,
tu luce della mia vita...
vita che non ti ha sorriso,
vita che ti ha tradito,
vita che ti ha lasciato...
tu mamma
che con il tuo dolcissimo sguardo
ci accompagnerai nel cammino
della nostra vita....
arrivederci mamma...

by Franci

Grazie mamma
perché mi hai dato
la tenerezza delle tue carezze,
il bacio della buona notte,
il tuo sorriso premuroso,
la dolce tua mano che mi dà sicurezza.
Hai asciugato in segreto le mie lacrime,
hai incoraggiato i miei passi,
hai corretto i miei errori,
hai protetto il mio cammino,
hai educato il mio spirito,
con saggezza e con amore
mi hai introdotto alla vita.
E mentre vegliavi con cura su di me
trovavi il tempo
per i mille lavori di casa.
Tu non hai mai pensato
di chiedere un grazie.
Grazie mamma.

by Judith Bond

A MIA MADRE

Non sempre il tempo la beltà cancella
o la sfioran le lacrime e gli affanni
mia madre ha sessant'anni e più la guardo
e più mi sembra bella.
Non ha un accento, un guardo, un riso
che non mi tocchi dolcemente il cuore.
Ah se fossi pittore, farei tutta la vita
il suo ritratto.
Vorrei ritrarla quando inchina il viso
perch'io le baci la sua treccia bianca
e quando inferma e stanca,
nasconde il suo dolor sotto un sorriso.
Ah se fosse un mio prego in cielo accolto
non chiederei al gran pittore d'Urbino
il pennello divino per coronar di gloria
il suo bel volto.
Vorrei poter cangiar vita con vita,
darle tutto il vigor degli anni miei
Vorrei veder me vecchio e lei...
dal sacrificio mio ringiovanita!

De Amicis

LA MADRE

E il cuore quando d'un ultimo battito
avrà fatto cadere il muro d'ombra
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano.
In ginocchio, decisa,
Sarai una statua davanti all'eterno,
come già ti vedeva
quando eri ancora in vita.
Alzerai tremante le vecchie braccia,
come quando spirasti
dicendo: Mio Dio, eccomi.
E solo quando m'avrà perdonato,
ti verrà desiderio di guardarmi.
Ricorderai d'avermi atteso tanto,
e avrai negli occhi un rapido sospiro.

di Giuseppe Ungaretti

MAMMA SON TANTO FELICE


Mamma, solo per te la mia canzone vola,
mamma, sarai con me, tu non sarai più sola!
Quanto ti voglio bene!
Queste parole d'amore che ti sospira il mio cuore
forse non s'usano più,
mamma, ma la canzone mia più bella sei tu!
Sei tu la vita
e per la vita non ti lascio mai più!
Mamma... mai più!

di Beniamino Gigli

Ama
saluta la gente
dona
perdona
ama ancora e saluta.
Dai la mano aiuta
comprendi dimentica
e ricorda solo il bene.
E del bene degli altri
godi e fai godere…
E vai, leggero dietro il vento
e il sole e canta…
canta il sogno del mondo:
che tutti i paesi
si contendano
d’averti generato.

D.M. Turoldo

MANO NELLA MANO

Chi ci darà vita nelle stagioni
senza frutti, nelle notti senza stelle,
sulle strade prive di ombra,
quando saremo grano passato al crivello,
cenere al vento? Quando il male
si fa inevitabile, come nella fase terminale
di una malattia incurabile,
non si richiede nè serve la laurea per affrontarlo.
si muore tremando e gridando.
Anche così si è vincenti,perchè stiamo
facendo la nostra parte.
Basterà la cara presenza di un figlio
o di un un volto amico
che ci tenga per mano...

(Angelo De Simone)

POLVERE E SPIRITO

L'essere umano: questo ingenuo,
con aspirazioni sublimi, che non sa cogliere
il meglio della stagione;
questo sentimentale nel vivere quanto sente in profondità;
questo fortunato, che s'accontenta, sebbene gusti
ben poco di quello che s'attendeva;
quest'unico, che sale e scende, s'infiamma
e si spegne, senza mai comprendersi e appagarsi;
l'essere umano, insomma:polvere e spirito, soffio,
alito di vita; essere vivente.

(Da: Bella la vita)

torna su