Crea sito

 

23 luglio

SANT’APOLLINARE

Protovescovo di Ravenna e martire Patrono Principale della Diocesi

Patrono dell’Emilia Romagna

Mentre, ad eccezione di Roma, tutte le altre Chiese protostoriche del territorio italico e dell’Occidente o mancano di notizie sicure sul primo Vescovo o esaltano, nel culto, santi Vescovi posteriori, Ravenna è la sola Chiesa che possegga certezza storica incontrovertibile sul suo primo Vescovo e unico martire sant’Apollinare.

La tradizione documentaria lo attesta come segue: il sermone 128 di san Pietro Crisologo, la tomba di Apollinare in cimitero promiscuo di area suburbana (Classe) identificata come luogo sacro già evidentemente prima del Crisologo; l’iscrizione classense “In Hoc Loco Stat
Arca Beati Apolenaris” autentica del sec. VI; i calendari antichissimi che fissano la festa al 23 Luglio. Risultati degli studi più recenti portano a concludere su due punti meritevoli di precisazione: Apollinare non fu discepolo di san Pietro; in secondo luogo, Apollinare non fondò la Chiesa ravennate a Classe, ma a Ravenna, la sola Città della residenza urbana. II culto di Ravenna ad Apollinare (Cappella speciale del Duomo; reliquie insigni nell’altare della Cattedrale; colonna di Piazza; dedicazione di Pievi) ed il suo culto sparso in tutta Italia, a cominciare da Roma, in Europa ed Oriente (Sinassario bizantino) è dunque il culto di tutta la Chiesa ravennate per il discepolo dei discepoli degli Apostoli, unico martire di Ravenna e protomartire e Patrono dell’Emilia-Romagna.

Diocesi di Ravenna
leggi anche da: Santiebeati

Pellegrinaggio a piedi a S. Apollinare in Classe

Un percorso alla scoperta del Patrono all’interno delle Collezioni del Museo Arcivescovile

 

 

 

 

Share |